Lupo del Siemen – Canis simiensis – Ethiopian wolf

La popolazione di questo bellissimo lupo etiope sta calando inesorabilmente nell’indifferenza totale

Lupo del Siemen Ethiopian Wolf Canis simensis 2
Canon 450D  500mm f:4,5 1/320 200 iso

Ho visitato i luoghi che ospitano le ultime enclave di questo meraviglioso canide, le montagne del Siemen nel nord dell’Etiopia e le Bale mountains nel centro-sud, nel 2009,nel 2013 ed infine nel 2015.Ogni volta gli avvistamenti si fanno sempre più rari ed i confini dei parchi che lo ospitano si restringono rapidamente per far posto ad insediamenti umani , le coltivazioni e la pastorizia conquistano nuovi spazi e l’areale a disposizione del Lupo si riduce drasticamente.

ambiente 2.jpg
Bale mountains nel 2009 , la strada che attraversa il pianoro del Sanetti plateau era poco più di una mulattiera , oggi è in gran parte asfaltata e esiste un servizio di autobus che lo attraversa con numerose corse giornaliere
Siemen mountains 1.jpg
Siemen’s mountains

Habitat

L’Etiopia è un paese molto particolare dal punto di vista naturalistico, situata alla fine della Rift Valley si trova ad una altitudine molto più elevata rispetto agli altri paesi equatoriali vicini, con i suoi altipiani posizionati tra i 2000 e i 2800 mt slm che coprono la maggior parte degli 1.126.000 Km2, possiamo considerarla come un isola naturalistica abitata da moltissimi endemismi di flora e fauna, soltanto tra i mammiferi si contano ben 31 specie diverse di endemismi, tra questi si trova il Lupo del Siemen(Canis simiensis) .       I due parchi che ospitano gli ultimi Lupi si trovano ad altitudini ancora più elevate a circa 4000 mt e questo li rende oltremodo particolari tanto da poterli differenziare ecologicamente rispetto al resto della nazione già di per sè particolare.

ambiente 4.jpg
Sanetti plateau – piovosità elevata e temperature caratterizzate da forti escursioni hanno determinato lo sviluppo di una flora rigogliosa nel terreno che si deposita tra le roccie.
ambiente 7.jpg
Lobelia gigante – raggiungono i 15 mt di altezza , i vertici delle piante secche sono utilizzati dai rapaci come posatoi di caccia per avvistare i roditori che popolano la zona
Poiana augure fase scura.jpg
Poiana augure-un individuo dalla colorazione anomala con il piumaggio pettorale scuro anziché bianco Canon Eos 1D mark IV 500 mm f:7,1 1/2500 800 iso

LE PREDE

l’alimentazione è molto particolare e si compone principalmente di roditori ( Mole rat) che caccia con una tecnica particolare, i Mole rat scavano tane a due uscite , il lupo le identifica attraverso il suo fiuto eccezionale e comincia a scavare in corrispondenza di una di queste tenendo sotto osservazione l’altra, il roditore sentendosi in pericolo fugge dall’uscita di emergenza e, a quel punto, il lupo con un rapidissimo balzo lo cattura.

Rattotalpa abissino - Giant Mole rat - Tachyoryctes macrocephalus.jpg
Rattotalpa gigante – Giant Mole rat

 

Rattotalpa abissino - Giant Mole rat - Tachyoryctes macrocephalus 3.jpg
Rattotalpa gigante – Giant Mole rat

 

Mull rat.jpg
Esistono ben 13 specie diverse di roditori che abitano gli stessi habitat del Lupo del Siemen
Lupo del Siemen con preda.jpg
Occasionalmente anche una lepre può diventare un abbondante pasto

IL LUPO

L’ultimo censimento scientifico di cui ho notizie risale al 2009 ed è stato portato a termine dalla German Zoological Society collocava circa 350 individui nel parco delle Bale mountains ed altri 150 nelle Siemen mountains, ma successivamente una grave epidemia di rabbia ha decimato i Lupi e il pericolo delle ibridazioni con i cani da pastore ha portato ad una stima fatta dalle guide dei parchi a 360 in totale nel 2013, gli scarsi avvistamenti che abbiamo fatto in occasione del mio ultimo viaggio nel 2015 mi fanno temere che questo numero si sia ulteriormente ridotto.

Lupo del Siemen Ethiopian Wolf Canis simensis con preda 3.jpg
Il Lupo ha appena predato un roditore
Lupo del Siemen Ethiopian Wolf Canis simensis 3.jpg
Canon 450D 500 mm f:5 1/200 400 iso
Lupo del Siemen Ethiopian Wolf Canis simensis 4.jpg
Canon 1D Mark IV 500 mm f;5,6 1/2500 400iso
Lupo del Siemen Ethiopian Wolf Canis simensis 5.jpg
Canon Eos 1D Mark IV 500 mm f:7,1 1/1250 400iso

La sfortuna di questo simpatico Lupo consiste nel fatto che non è molto conosciuto, le organizzazioni protezionistiche non investono soldi se l’azione di protezione non ha un ritorno di immagine tale da garantire anche un ritorno di denaro sotto forma di donazioni e iscrizioni, è una dolorosa verità , ma è la verità , pensare che sarebbe semplice conservare questa specie, gli ultimi esemplari abitano in zone che già sono parchi naturali, ma sono stati creati per proteggere altri animali selvatici, il parco delle Bale mountains ospita una numerosa popolazione di Nyala di montagna che da situazione di grave pericolo di estinzione , grazie alla creazione del parco , ora gode di ottima salute e si incontrano esemplari anche fuori dai confini della zona protetta, sulle Siemen mountain , invece , il parco è stato creato per preservare i Gelada, e anche lì l’operazione ha dato ottimi risultati. Io che amo molto fare oltre che parlare cerco di portare sempre molti visitatori, fotografi in quelle zone , nella speranza che le popolazioni locali trovino, un giorno , più conveniente le entrate economiche dirette o indirette del turismo naturalistico invece che quelle derivanti da un campo di grano o di un pascolo rubato al territorio del parco. Ma io so di essere un po’ sognatore.

 

 

 

 

 

 

 

 

2 pensieri riguardo “Lupo del Siemen – Canis simiensis – Ethiopian wolf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...